Mangiare e bere

Tutti i benefici della curcuma


Tra lespezieche offrono maggiori benefici alla salute umana, la curcuma ha il pregio di poter essere impiegata in una grande variet di preparazioni. La sua azione antinfiammatoria si combina con i suoi effetti antiossidanti e con le sue propriet immunostimolanti: proprio per questo motivo che gli estratti della curcuma sono indispensabili per combattere le malattie delle articolazioni, lemalattie intestinalie pi in generale quelle infiammatorie di carattere cronico. Essi, inoltre, consentono di riequilibrare l'apparato digerente e ostacolano la comparsa di quello che conosciuto come colesterolo cattivo, vale a dire ilcolesterolo LDL, a livello del fegato. Quest'ultimo viene disintossicato in profondit grazie alla curcuma, che contribuisce anche al benessere dello stomaco e previene problemi di salute del cuore e del cervello.

Le propriet antinfiammatorie

Ingredienti comecurcuma e semi di chiapossono essere utilizzati, per esempio, nella preparazione del pane e di altri prodotti da forno. L'azione immunostimolante molto importante per consolidare le difese dell'organismo, il quale pu essere protetto in questo modo dalleaggressioni di virus e batteri; anche le propriet antiossidanti sono significative, soprattutto per la prevenzione del precoce invecchiamento delle cellule. Anche il rallentamento del metabolismo, che aumenta con il passare degli anni e che favorisce un aumento di peso, pu essere contrastato con questa spezia, che ha un valore importante - inoltre - in presenza di infiammazioni comel'artrosi e l'artrite, di dolori che riguardano lo scheletro e i muscoli, di mestruazioni, di fibromialgia, di emicrania, di cefalea e di colite. La curcuma contribuisce anche a rimuovere ilgrasso addominale, la cui eliminazione in genere complicata dallo stato infiammatorio che viene innescato dalle cellule adipose.

Non ci sono controindicazioni

Tra i tantipregi della curcumac' la totale assenza di controindicazioni che la caratterizza: chiunque pu assumere fino a 4 grammi di questa spezia ogni giorno - la quantit corrisponde pi o meno a un cucchiaino da t ben carico - senza dover fare i conti con effetti indesiderati di alcun genere. Certo che una dose eccessiva in grado di irritare lo stomaco, fermo restando che la sensibilit soggettiva deve essere sempre tenuta in considerazione. La curcuma pu essere assunta anche attraverso gli integratori: sono pi che sufficienti due capsule al giorno, una dopo pranzo e una dopo cena. Lacurcumina, nel caso in cui entri nell'organismo tramite gliintegratori, non tossica fino a 8 grammi al giorno.

Come usarla in cucina

Sapere in che modo la curcuma deve essere usata in cucina non vuol dire solo scoprire pietanze interessanti e ricette nuove, ma anche sfruttarne al massimo gli effetti in considerazione della cosiddettabiodisponibilit. Non bisogna mai dimenticare, infatti, che l'azione di questo o quell'ingrediente sul nostro organismo correlata anche agli alimenti con cui essi sono abbinati. Per esempio, la biodisponibilit della curcumina viene aumentata dallapiperinacontenuta nel pepe fino al 2000%, ma la stessa azione deriva anche dalla bromelina che presente nell'ananas.

Anche gliomega 3sono preziosi da questo punto di vista, dal momento che contribuiscono a un pi rapido assorbimento: ci dovuto al fatto che la curcumina liposolubile, il che vuol dire che per sciogliersi e poter essere assimilata necessita di un grasso. Gli esperti consigliano di abbinarla con l'olio di semi di lino, i gi citati semi di chia, l'avocado, il salmone e le noci: sono tutte fonti di grassi non pericolosi, ma anzi buoni, che contribuiscono a limitare le adiposit a livello addominale. Da non sottovalutare, infine, gli effetti dellaquercetinadel sedano e della cipolla rossa.